SANITARI – VACCINO

TUTELA GIURIDICA

La difesa dei sanitari differisce sia per il tipo di attività svolta (libera professione, dipendente, ecc…) sia a seconda del momento in cui essa interviene.

Siamo soliti distinguere due momenti: quello antecedete la sospensione e quello immediatamente successivo. All’interno di queste due aree sono distinguibili altre tipologie di approccio che di volta in volta verranno schematizzate.

fase ante sospensione:

La norma di legge prevede che l’azienda sanitaria locale (ASL) contatti il sanitario con 3 diverse lettere che debbono essere inoltrate o via PEC o raccomandata

Se l’azienda sanitaria locale non ottiene risposte alla terza lettera a/r o pec dovrà procedere con l’accertamento dell’inosservanza dell’obbligo vaccinale e successiva comunicazione come previsto per legge ( l’adozione dell’atto di accertamento da parte dell’asl determina la sospensione dal diritto di svolgere prestazioni omansioni che implicano contatti interpersonali o comportano, inqualsiasi altra forma, il rischio di diffusione del contagio daSARS-CoV-2.

il sanitario potrà decidere di non rispondere ed attendere la sospensione oppure di seguito sono fornite delle indicazioni di risposta

E’ CHIARO CHE LE INDICAZIONI FORNITE HANNO LO SCOPO DI FAR RECUPERARE TEMPO UTILE MA NON SONO, SE NON IN RARI CASI, RISOLUTIVE.

ESONERO E DIFFERIMENTO VALIDITA’ DEL CERTIFICATO

I giudici del Consiglio di Stato hanno chiarito che un certificato medico rilasciato da medici preposti ai servizi di medicina generale (medici di base) o da medici convenzionati, cioè da professionisti autorizzati a eseguire prestazioni nell’interesse del Servizio sanitario nazionale, può considerarsi proveniente da “pubblico organismo”, anche se non concernente “soggetti mutuati”, tale certificato medico è, da considerarsi a tutto gli effetti, atto pubblico e “fa piena prova, fino a querela di falso”.

LE ASL NON AVENDO ALCUN POTERE IN ORDINE AL DISCONOSCIMENTO DEL CERTIFICATO, COMMETTONO DEGLI ABUSI.

DUNQUE OCCORRE PROCEDERE NANTI LE AUTORITÀ COMPETENTI

CONTATTATECI ALLE SEGUENTI MAIL

avv.lauramana@gmail.com e milano@pszavvocati.it